This page has been translated from English

La Bibbia sulla ibridi moderni - Nephilim

La Bibbia sugli ibridi moderni (Nephilim)

(In "moderna Nephilim" credito e l'argomento scritturale è peculiare di coloro che accettano i "figli di Dio" da angeli in Gn 6, questa serie di articoli su questo non si assume questa posizione per il bene o discutere ciò che il resto della Scrittura sarebbe spettacolo, se questa ipotesi fosse vera.)


Questa serie di sotto è disponibile presso http://www.nephilimhybrids.com con molte più informazioni   sul tema della Nephilim moderna / ibridi.

Il link diretto è http://stopalienabduction.com/nephilimhybrids/wordpress/?p=1

Il concetto di paterno lignaggio spirituale

La Bibbia contiene al suo interno ciò che io chiamo il concetto di "linea paterna spirituale". La Bibbia insegna:

Lo spirito di un bambino è moltiplicato dallo spirito (avendo vita) del padre del bambino.

Lo spirito di un bambino, che è legata al dono della vita stessa, non è completamente nuovo creato da Dio e depositati da Dio al momento del concepimento, ma è cresciuta dallo spirito del padre del bambino. Come il corpo di un bambino è cresciuto da l'uovo e lo spermatozoo che combinano sul concepimento, lo spirito di un bambino è cresciuto fuori lo spirito del padre. Il suo contributo come il donatore dello spirito (con la vita) del bambino serve come il suo fondamentale contributo, in quanto la crescita del corpo del bambino nella madre dalla gravidanza serve come il suo importante contributo. Solo la madre può crescere il bambino nel suo corpo, attraverso il suo corpo, e solo il padre contribuisce alla crescita dello spirito di un bambino, che è necessario per il bambino di avere la vita, dal suo spirito. L'anima (mente / volontà / emozioni) e il corpo del bambino sono di contributo equivalente da parte della madre e del padre. Il bambino sarà come madre e padre nei tratti del loro corpo e anima. (Anche se tecnicamente il contributo del padre di sperma è solo ciò che determina il sesso del bambino.) Ma lo spirito di un bambino è un one-size-fits-all materia, come lo spirito che dà vita in ogni persona, di qualunque sesso, è esattamente la stessa.

2. Lo spirito di un bambino è dello stesso tipo, come il padre del bambino.

Perché la madre non contribuisce allo spirito che un bambino sia cresciuto da, ed è vivo da, significa che il padre determina soltanto il tipo di spirito di un bambino. Ci sono diversi tipi di spiriti che esistono, o che Dio ha creato: umana, angelo, e poi c'è Dio stesso, che è spirito. Se un bambino ha un tipo di uomo di spirito, o un tipo di angelo di spirito, o lo spirito di Dio, è determinato esclusivamente dal padre del bambino. Lo spirito di una donna non è moltiplicata e cresciuto in spirito di un bambino (avere la vita), né coinvolti nel processo, molto nello stesso modo che il suo uovo non determina il sesso del bambino, ma solo il contributo del padre determina il sesso .

3. Le maledizioni generazionali trasmessi a un bambino sono indicati per venire solo dagli antenati paterni di un bambino, e non la madre o gli antenati materni, ma provengono da antenati paterni della linea materna. Eppure, le benedizioni provengono sia la madre e il padre di un bambino. Ciò è coerente con il modello dei primi due punti sopra, mostra ancora che Dio visite iniquità come Egli continua a registrare, e iniquità visitato o benedizioni date non sono determinate dal corpo o moltiplicazione lignaggio spirito.

Ora per mostrare i punti di cui sopra nella Bibbia:

In primo luogo Dio ha fatto Adamo,
.” (Gen 2:7) "E il Signore Dio plasmò l'uomo [del] la polvere del suolo e soffiò nelle sue narici un alito di vita el'uomo divenne un'anima vivente." (Gen 2,7)
La parola qui per "anima" è chiarito nel Nuovo Testamento,

1 Cor 15,45 "E così è scritto, Il primo uomo, Adamo è stato fatto un essere vivente, ma l'ultimo Adamo fu creato uno spirito vivificante".

La parola qui per "anima" è "psiche" e significa "vita" e "anima". E 'utilizzato anche in: Matteo, 10:28 "E non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo, ma non sono in grado di uccidere l'anima: temete piuttosto colui che è in grado di distruggere l'anima e il corpo nella Geenna."
C'è una parola diversa per "spirito", di cui 1 Cor 15, che è "pneuma".

Questo è il "respiro della vita" in Gn 2,7 che fa riferimento allo "spirito" che dà vita.
"Lo Spirito di Dio mi ha fatto, e il soffio dell'Onnipotente mi ha dato la vita." (Giobbe 33:4)
"Per tutto il tempo il mio respiro [è] in me, e lo spirito (ruach) di Dio [è] nelle narici" (Giobbe 27:3)
"E il Signore disse: Il mio spirito (ruach), non resterà sempre nell'uomo, perché anche lui [è] carne. Eppure la sua vita sarà di centoventi anni» (Gn 6,3)

Lo spirito di vita nell'uomo è stata data da Dio ad Adamo in Genesi 2:7, ed è lo spirito dell'uomo. Senza Dio, cercando con lo spirito dell'uomo, non ha più vita, ma l'uomo muore. Ma fino a quando Dio si impegna con lo spirito dell'uomo, l'uomo vive. Il punto è che un uomo vivo è legato a lui avere lo spirito, della vita, dando vita, come Dio soffiò nelle Adamo.

Lo spirito della vita, dando vita al corpo, è nel sangue,

"Per la vita della carne [è] nel sangue: e l'ho dato a voi sull'altare per fare l'espiazione per le vostre anime. Per esso [è] il sangue [che] fa della espiazione per l'anima" Lev 17:11
Come tale lo spirito dell'uomo, e la vita, è legato al sangue del corpo dell'uomo.

Dio specifica che le persone riproducono attraverso la moltiplicazione, dicendo:
"Siate fecondi e moltiplicatevi» (Gn 1:28).

Che cosa è la moltiplicazione? Dio ha dimostrato la moltiplicazione per noi, da come Dio fece Eva da un piccolo pezzo, una costola, presa da Adamo. (La stessa costola contiene sangue nel midollo, e la vita del corpo è nel sangue.)

"E il Signore Dio fece un profondo sonno a cadere su Adamo, e lui dormiva: e si tolse una delle costole e rinchiuse la carne al suo posto; plasmò con la costola, che il Signore Dio aveva tolta all'uomo, formò una donna, e la portò all'uomo. »(Gn 2,21-22)

Dio non è registrato avere respirato lo spirito, il respiro della vita, nella vigilia in modo per lei di diventare un essere vivente. Né Dio registrati hanno ripetuto questo processo con Caino, Abele, Seth, o uno qualsiasi dei loro figli. Dio soffiò lo spirito della vita in Adamo che divenne un essere vivente, e Dio è registrato avere fatto solo una volta, con Adamo.

Poi Adamo aveva uno spirito e un'anima ed è stata viva.

Quando Dio creò Eva, ha moltiplicato il suo corpo dal corpo di Adamo, Dio e moltiplicato la sua anima da anima di Adamo, Dio e moltiplicato il suo spirito dallo spirito di Adamo.
E come lei aveva un corpo (con la vita nel sangue) e lo spirito (il respiro della vita) divenne anche un essere vivente, attraverso il processo di moltiplicazione.

Come tale, Eva è stata moltiplicata da Adamo, in corpo, anima e spirito. Dio ha fatto questo con Eva stesso, ma da quel momento in poi la stessa cosa accadrebbe con Adamo ed Eva moltiplicando di avere figli, attraverso il processo naturale di Dio al suo posto.

Questo non nega che le forme che Dio ogni persona nel grembo materno (Is 44:2,24), ma il punto è che i materiali da costruzione, un seme, sono già sul posto per Dio, per costruire da, non solo nei riguardi di moltiplicazione di un nuovo corpo, ma ad una nuova anima e lo spirito pure. Tutti sono moltiplicati da ciò che già esiste nel padre e la madre.

Che il corpo e l'anima (mente, emozioni, volontà) della madre sono ereditate tratti di un bambino è ovvio, i bambini sembrano le loro madri, hanno tratti psicologici come le loro madri, l'intelligenza della madre, ecc E così sappiamo che sia il corpo e l'anima della madre contribuiscono per il corpo e l'anima (mente / volontà / emozioni) del bambino. Sia la madre e l'anima del padre e del corpo sono parte del processo di moltiplicazione a formare un bambino. Ciascuno contribuisce lo stesso numero di cromosomi, di combinare nella concezione, per il corpo fisico, e lo stesso avrebbe senso dell'anima (mente / volontà / emozioni) pure.

Ma lo sperma del padre da solo determina se il figlio sarà un maschio o una femmina, e questi sono i due tipi di esseri umani. "Dio creò l'uomo a sua immagine [propria], a immagine di Dio lo creò, maschio e femmina li creò.» (Gn 1:27)

Un parallelo simile è visto nel lignaggio spirituale. E 'il tipo di spirito del padre che decide unicamente il tipo dello spirito del bambino, e che contribuisce unicamente il "respiro della vita" stessa del bambino al momento del concepimento. Questo è come automatico, di un naturale (spirituale) di processo, e dalle mani del padre del bambino, è come la gravidanza in una donna, e il suo corpo sempre più il corpo del bambino. Senza il padre, il corpo della madre sviluppa il corpo del bambino, e l'uomo anche come contribuisce essenzialmente alla vita del bambino, contribuendo da solo lo spirito con il quale viene moltiplicato il bambino, e in questo ha il respiro della vita.

È per questo che la Bibbia più e più si riferisce di nuovo al padre solo come generare un bambino. Madri non si dice ai bambini generare. La vita del corpo è nel sangue, che viene costruito nel corpo della madre in gravidanza. Il bambino non vivrebbe senza sangue, costruito con il corpo della madre, né senza lo spirito dando vita, costruito con lo spirito del padre. Come tali i loro contributi sono ugualmente importanti ed essenziali nella produzione di un bambino. Ed è Dio che opera il miracolo della formazione di un bambino, in ogni caso. Ma mentre il bambino proviene sia dalla madre e padre, in ultima analisi, lo spirito del bambino, la vita avendo, viene solo dallo spirito del padre è moltiplicata nello spirito del bambino, quindi non aveva vita. Questo è equilibrata con solo il corpo della madre la costruzione del corpo del bambino in gravidanza. La vita quindi, in definitiva è ereditata dal padre, dallo spirito. Ed è per questo che la Bibbia dice ripetutamente che i padri generano i loro figli, in luogo numerosi, eccone una:

Matt 1:2 "Abramo generò Isacco, Isacco generò Giacobbe, Giacobbe generò Giuda ei suoi fratelli"

Lo spostamento su due esempi di casi, la stessa parola per "generò" è usato in 1 Giovanni 5:01
"Chiunque crede che Gesù è il Cristo è nato da Dio: e chiunque ama Colui che ha generato, ama anche lui che è generato da Lui".

Gesù Cristo è stato generato da Dio Padre. Gesù Cristo è l'unigenito Figlio di Dio, ma Egli è anche Dio. In questo possiamo vedere chiaramente che il tipo di spirito del padre determina soltanto il tipo dello spirito del bambino. I tre tipi di spiriti che esistono sono Dio, angelo, e umano. Gesù Cristo è il tipo di spirito di Dio, è Dio, perché il Padre è Dio stesso. Gesù Cristo non poteva avere uno spirito che era solo a metà Dio-spirito, e per metà uomo-spirito, ma piuttosto: ". Poiché in lui abita corporalmente tutta la pienezza della Deità" (Col 2,9) Gesù Cristo è venuto a la carne (2 Giovanni 1:7) ed è stato l'uomo (1 Tm 2,5), ma anche Gesù Cristo è Dio, ed è venuto dall'alto, eternamente esistente, creando tutte le cose (Gv 8:23, 8:58, Gv 1, ). Inoltre, possiamo vedere che la Bibbia dice che Gesù era un uomo a causa del suo corpo, anche se lo spirito di Gesù è Dio, come Gesù è Dio. Il tipo di spirito del bambino è determinato dal tipo di spirito del padre da solo.

Possiamo anche vedere che negli esseri umani, un uomo con uno spirito umano genera un bambino che ha anche uno spirito umano, in quanto questo è vero in tutta la Bibbia. Questo è anche visto nel caso di Adamo ed Eva, in cui ha avuto anche uno spirito umano, si è moltiplicata da Adamo.
Ma, come per i loro figli, la Bibbia dice che i bambini vennero per mezzo di Eva, come in "passaggio". La parola qui "dia" significa "attraverso un movimento".
1 Corinzi 11:8,12 "Perché l'uomo non è fuori della donna, ma la donna è fuori dell'uomo, infatti, come la donna è fuori dell'uomo, in questo modo anche l'uomo è attraverso la donna, ma tutti insieme da Dio ".

La distinzione è stata espressa chiaramente che, mentre Eva è uscito di Adamo, e mentre le figlie escono dei loro padri, che tutti gli uomini (e donne) da quando sono venuto "attraverso" la loro madre, non "fuori" la sua. Ma tutte le donne (e uomini) si sono "fuori" i loro padri. Applicando questo alla vigilia, questo significa che i suoi figli è venuto attraverso di lei, ma fuori di Adamo.

Il prossimo caso da guardare è quella di Adamo. Dio disse ad Adamo: "Di ogni albero del giardino si può mangiare liberamente, ma dell'albero della conoscenza del bene e del male non devi mangiare perché, nel giorno che ne mangerete, morirai." (Gen 2:16-17)
Possiamo sapere che questo non si riferiva alla morte fisica, ma ad una morte spirituale, perché Adam non è morto il giorno in cui ha mangiato dall'albero. Questo è anche chiaro rispetto a Gn 3:22-24:

"Allora il Signore Dio disse:« Ecco, l'uomo è diventato come uno di noi, di conoscere bene e il male. E ora, perché non stese la mano e non prenda anche dell'albero della vita, e mangiare, e vivere per sempre "- dunque il Signore Dio lo mandò fuori dal giardino di Eden, perché lavorasse il suolo da cui era stato tratto. Così egli scacciò l'uomo e pose cherubini ad oriente del giardino di Eden, una spada fiammeggiante che si è ogni modo, per custodire la via all'albero della vita ".

L'albero della vita causerebbe l'immortalità spirituale, ma l'albero della conoscenza del bene e del male avrebbe causato la morte spirituale o morire. L'immortalità dello spirituale sembra condurre all'immortalità del corpo, e la morte dello spirituale sembra portare alla morte del corpo. Da questo è possibile raccogliere che Adamo è stato fatto con né morte né vita immortale certo, ma in uno stato neutrale, e potrebbe scegliere di andare in entrambi i casi, o scegliere albero.
Quando ha scelto l'albero che porta alla morte dello spirito che aveva, questa morte è passata su i suoi figli, come fossero tutti moltiplicato dal suo spirito. Il suo spirito di morire non ha causato lui a non avere più uno spirito, ma semplicemente di avere un 'involucro inerte' di una, per lui avere uno spirito morto, invece di una vita, ma aveva ancora una. E in qualche modo solo che hanno uno spirito (anche morti o morenti) è ancora sufficiente a portare la vita al corpo mortale, e l'anima vivente. (Ed è lo Spirito Santo che rende lo spirito morti dobbiamo nascere di nuovo, alla vita eterna.)

Sappiamo che lo stato di spirito di Adamo, di essere morti o morenti, è stata passata a tutto il resto dell'umanità i suoi figli, in quanto ciò è reso evidente nel Nuovo Testamento:

"Perciò, proprio come attraverso un uomo il peccato entrò nel mondo, e la morte per mezzo del peccato, e così anche la morte a tutti gli uomini, perché tutti hanno peccato-per legge fino a quando il peccato era nel mondo, ma il peccato non è imputato quando non c'è legge. Tuttavia la morte regnò da Adamo fino a Mosè anche su quelli che non avevano peccato a somiglianza del reato di Adamo, che è un tipo di colui che doveva venire. Ma il dono non è come la trasgressione. Infatti se per la trasgressione di uno dei tanti morirono, molto di più ha fatto la grazia di Dio e il dono concesso in grazia di un solo uomo, Gesù Cristo, abbondano ai molti. Il dono non è come ciò che è venuto attraverso colui che peccato, perché da un lato il giudizio nasce da una trasgressione con conseguente condanna, ma d'altro canto il dono gratuito nasce dalla trasgressione molti conseguente giustificazione. Infatti se per la trasgressione di uno solo la morte ha regnato attraverso quella, molto di più quelli che ricevono l'abbondanza della grazia e del dono della giustizia regneranno nella vita per mezzo del solo Gesù Cristo. Allora come attraverso una trasgressione ci ha portato la condanna a tutti gli uomini, così anche per un solo atto di giustizia ci ha portato la giustificazione della vita a tutti gli uomini. Infatti, come la disobbedienza di uno solo tutti sono stati costituiti peccatori, così anche per l'obbedienza di colui i molti saranno costituiti giusti. La legge è venuto in modo che la trasgressione aumenterebbe, ma dove è abbondato il peccato, ha sovrabbondato la grazia più, in modo che, come il peccato aveva regnato con la morte, così anche la grazia avrebbe regnato con la giustizia per la vita eterna in Cristo Gesù nostro Signore "Rom 5. :12-21 NASB

"Per quanto l'uomo è venuta la morte, l'uomo venuto anche la risurrezione dei morti. Come infatti in Adamo tutti muoiono, così in Cristo tutti riceveranno la vita. E così è scritto, Il primo uomo, Adamo fu fatto anima vivente;. L'ultimo Adamo è stato fatto uno spirito vivificante "
1 Cor 15:21-22, 45

In questi passaggi si è chiarito che la morte è passata a tutte le persone di Adam da solo. Questo è spiegato in che Adamo era l'originale spirito / anima, da cui tutti gli altri sono stati moltiplicati. Tutti i figli di Adamo ereditato uno spirito morente / morto, in quanto è solo lo spirito del padre che viene moltiplicato per i bambini, dando loro la vita. La Bibbia è specifica che è solo dalla trasgressione "di quello" e che "la morte ha regnato attraverso l'unica".
Come Eva tale non è incluso nella moltiplicazione dello spirito, ma solo Adamo, e questo include l'attributo di 'la natura peccaminosa' o morto-stato dello spirito (così come il tipo di spirito).

E così sia nel caso di Adamo generare tutta l'umanità, e in Dio generazione solo Gesù Cristo, possiamo vedere che il tipo di spirito di un bambino, e gli attributi di spirito di un bambino, venire solo da padre che figlio, e non da del bambino la madre.

Se lo spirito di Eva è stato coinvolto 50/50 nel moltiplicando dello spirito di un bambino, poi 1 Cor 15 e Rm 5, non poteva dire quello che dicono senza contraddizione, in quanto entrambi punto solo ad Adamo. Se lo spirito di Maria era 50/50 coinvolto nella moltiplicazione dello spirito di Gesù Cristo, allora sarebbe spiritualmente inferiore pienamente Dio, spiritualmente parlando.

I primi due punti sono coperti, sul terzo punto, che è raccontata in:

Ex 20:5-6

"Tu non ti prostrerai davanti a loro e non li servire, perché io il Signore tuo Dio, [sono] un ​​Dio geloso, che punisce l'iniquità dei padri sui figli fino alla [generazione] terzo e il quarto di loro che mi odiano; e usa misericordia fino a mille quelli che mi amano e osservano i miei comandamenti ".

La parola qui per i "padri" si riferisce al solo antenati paterni, e non a quelli materni. Come tale, si potrebbe supporre che queste iniquità si tramandano per il concetto di Paterno lignaggio spirituale, ma non è questo il caso. Dio dice che Egli visiterà le iniquità degli antenati paterni verso i bambini. Il versetto non indica che questo accadrà naturalmente, come parte di un processo naturale, come dai bambini moltiplicando. Questo non può essere il caso, perché ogni bambino ha "padri" o antenati paterni sia la loro mamma e papà lato.
Gli antenati paterni della madre di un bambino sono anche denominati qui e nulla in questi versi limita i "padri" solo lato paterno del bambino. Come tale, questa "visita di iniquità" non può essere basato sulla moltiplicazione dello spirito del padre per produrre il bambino, ed è un argomento correlato, anche se porta qualche somiglianza.
Piuttosto, Dio stesso si riferisce qui a un record che sembra tenere, non solo del paterno-paterno linea, ma anche della materna-paterna linea, il che significa gli antenati di sesso maschile di un bambino su entrambi i lati della famiglia del bambino.

Inoltre, nessuna restrizione di genere sono collocati sulla misericordia di Dio che mostra fino alla millesima generazione di coloro che lo amano e osservano i suoi comandamenti. Questo significa una benedizione generazionale della misericordia di Dio può passare attraverso sia la madre o il padre di un bambino, attraverso i loro antenati, senza alcuna restrizione di genere. Di nuovo, questo conferma che il concetto di "maledizioni generazionali" non è basato sulla moltiplicazione dello spirito dal padre di un bambino. Tuttavia, una certa somiglianza nel modo in cui il lavoro spirituale di Dio, le regole si trova, in quanto l'iniquità dei padri ricadono, e le madri non lo sono. Ma questo fa poca differenza, come le iniquità sono visitati su entrambi i figli maschi e femmine, e una madre può avere la colpa su di lei stessa ha visitato che suo padre aveva, come può i suoi figli.
Un secondo testimone per registrare Dio attivamente mantenendo in questo modo si trova nel Salmo 109:14,
"Lasciate che l'iniquità dei suoi padri sia ricordata con il Signore, e non lasciate che il peccato di sua madre non sia cancellato."

Un altro motivo è noto questo non correlato alla moltiplicazione è perché non c'è niente di hard-wired di colpe specifiche, come una persona può pentirsi di un peccato particolare in qualsiasi momento, o rifiutare una iniquità che viene visitato su di loro, senza lo spirito ( o di corpo o l'anima) sono nati con il cambiamento di base in alcuni hard-wired modo (Ez 18).

In sintesi, due testimoni si trovano nella Scrittura, nei casi di Gesù Cristo e Adamo, che insieme mostrano: lo spirito di un bambino è moltiplicato dallo spirito del padre del bambino, dando vita, e che lo spirito di un bambino è di dello stesso tipo come il padre del bambino.

Anche gli attributi della vita dello spirito del padre passare al bambino, come Gesù Cristo è eterno ed immortale, e la natura peccaminosa di Adamo e la morte. Tuttavia, la natura peccaminosa e morto stato d'animo di Adamo è una questione generale, e le iniquità specifico di un padre che vengono visitati i bambini non si basano sullo spirito è moltiplicata dal padre al figlio.



Parte 2

Vi è un terzo esempio nella scrittura che mostra questo punto di paterna lignaggio spirituale, che si trova in Genesi 6.

Questo è il caso dei "figli di Dio" e dei loro figli i Nefilim-giganti.

"E avvenne che, quando gli uomini cominciarono a moltiplicarsi sulla faccia della terra, e le figlie sono nate a loro, che i figli di Dio videro che le figlie degli uomini che [erano] giusto, ed essi si presero delle mogli di tutti i che hanno scelto. E il Signore disse: Il mio spirito non resterà sempre nell'uomo, perché anche lui [è] la carne: ma la sua vita sarà di centoventi anni. C'erano sulla terra i giganti a quei tempi e anche dopo, quando i figli di Dio si univano alle figlie degli uomini, e nude [i bambini] a loro, lo stesso [divenne] uomini potenti che [erano] del vecchio , uomini famosi. "Genesi 6:1-4

Il termine "figli di Dio" si riferisce agli angeli (Gn 6:2,4 Giobbe 1:6, 2:1, 38:7), ed i Nefilim-giganti erano i figli dei "figli di Dio" e le donne umane. In Pet Jude 1 e 2 2 questi "figli di Dio" sono descritti come angeli che peccarono, lasciando un proprio dominio, vengono confrontati con coloro che "si danno alla fornicazione, andando dietro ad altra carne", e che ora sono imprigionati nel Tartaro . Le loro azioni li fece diventare angeli caduti.

are set forth for an example, suffering the vengeance of eternal fire.” Jude 1:6-7 "E gli angeli che non mantennero il loro primo, ma lasciarono la loro propria dimora, egli ha riservato in catene eterne, nelle tenebre, per il giudizio del gran giorno. Anche come Sodoma e Gomorra e le città di loro nello stesso modo, si dà oltre alla fornicazione, e andando dietro ad altra carne, sono previsti per esempio, subendo la vendetta del fuoco eterno ". Jude 1:6-7

"Perché se Dio non risparmiò gli angeli che peccarono, ma cast [li] all'inferno (Tartaro), e consegnato [li] in catene di tenebre, per essere custoditi per il giudizio, e non risparmiò il mondo antico ma salvò Noè l' ottavo [persona], un predicatore di giustizia, portando il diluvio sul mondo degli empi, e girando la città di Sodoma e Gomorra, riducendole in cenere condannato [li] con un rovesciamento, rendendo [loro] un esempio per a coloro che dopo dovrebbe vivere empi "2 Pt 2,4-6

La cronologia di 2 Pt 2,4-6 luoghi al momento della loro peccato di essere immediatamente prima del diluvio, così possiamo conoscere queste sono la stessa angeli caduti che sono menzionati nel Genesi 6:1-4. E sappiamo che questi angeli caduti, in particolare chi ha commesso questo peccato ora sono legato e imprigionato nel Tartaro, come la condanna per il loro crimine. (Anche se gli altri non sono imprigionati, che non ha commesso questo crimine particolare, vedi Ap 12, Luca 4, Ef 6,12).

Possiamo capire che alcune cose sarebbe vero per i discendenti di questa unione, basata sul concetto di paterno lignaggio spirituale.

Come gli angeli sono spiriti immortali, i loro figli i Nephilim-giganti avrebbe spiriti immortali. Questo è lo stesso Dio Padre e Gesù, solo che Dio è eterno, e gli angeli ei loro figli avevano tutti un punto di inizio, fase di creazione.

Come gli angeli che generato questi Nefilim-giganti erano peccatori, la discendenza sarebbe peccato anche.

Come Gesù Cristo è Dio in spirito, ma l'uomo nel corpo, possiamo dedurre che i Nefilim-giganti erano caduti-angelo in spirito, ma gli uomini nel corpo. Gesù Cristo è l'unico esempio biblico su cui lavorare su ciò che accadrebbe in una situazione come questa. Aveva lo spirito di Dio, ma un corpo umano e la Bibbia lo chiama "uomo", così Egli è un uomo, e aveva il corpo di un uomo. Come tali questi Nefilim deve avere avuto mortali corpi umani, ma immortale spirito peccaminoso. Questi Nefilim-giganti erano uomini, avere un corpo umano, anche se lo spirito di un angelo caduto-, così come Gesù Cristo è stato l'uomo, avendo un corpo umano e lo spirito di Dio. La Bibbia chiama Gesù un uomo, in verità (1 Tm 2,5). Con la stessa quantità di verità, questi Nephilim-giganti erano anche uomini.

I Nefilim-giganti sono tutti morti nel diluvio, in quanto riguarda il loro corpo. Ma in base alla loro linea paterna spirituale, dovremmo aspettarci per il loro spirito non sono morti, ma piuttosto di essere immortale. Quanto tali, dovrebbero essere menzionati in seguito nella Bibbia, se il concetto di Paternal lignaggio spirituale è vero.
Ci sono solo 3 cose che sappiamo su di loro. Essi dovrebbero essere in grado di essere identificati come immortali spiriti maligni, che non hanno un corpo proprio. Ciò corrisponde esattamente alla descrizione biblica e conti di demoni nella Bibbia. E così il concetto di Paterno lignaggio spirituale ci porta al punto che i demoni nella Bibbia sono gli spiriti disincarnati male dei morti Nephilim-giganti.

I demoni sono gli spiriti di un angelo caduto-(anche se non lo spirito-corpo di un angelo) e sono immortali. Non possono ricevere la vita eterna come un dono, perché già sono immortali. Più volte nel Nuovo Testamento Gesù generalizza che il lavoro demoni di Satana, e dice che i cristiani scacceranno i demoni nel suo nome. Satana è chiamato il principe dei demoni, ed è ovvio che i demoni sono gli avversari per i cristiani, e lavorare per Satana. Proprio come gli angeli caduti, demoni sembrano essere incapaci di ricevere la salvezza, perché, proprio come gli angeli caduti sono immortale e non c'è modo per loro di essere "rinato". I demoni, essendo immortale, non può essere "rinato". Gli esseri umani hanno uno spirito, in un inerte, morto stato, che pur essenziale per avere la vita mortale, non fa nulla verso la vita eterna.
Inerte morti spirito umano devono essere nati di nuovo, rigenerato, per mezzo dello Spirito Santo:
"Gesù rispose e gli disse: In verità, in verità io ti dico, se uno non è nato di nuovo, non può vedere il regno di Dio ... Gesù rispose: In verità, in verità io ti dico, se uno non è nato acqua e [del] lo Spirito, non può entrare nel regno di Dio ". Giovanni 3:3,5

I Nefilim-giganti vengono chiamati "uomini", dalla Bibbia (Genesi 6:5), ma non possono essere nati di nuovo dallo Spirito, perché già sono vivi spiriti immortali, che noi conosciamo come demoni. Essi non possono essere nati di nuovo come gli esseri umani con spiriti di tipo umano, e quindi non può entrare nel regno di Dio. In questo la Bibbia sembra generalmente di classificarli nella stessa categoria di angeli caduti, in molti modi, anche se meno potente perché non hanno lo spirito-corpi che sono stati creati gli angeli caduti di avere, i demoni sono ancora classificati come angeli caduti quando si tratta di la questione della salvezza e che per cui lavorano.

E 'per questo motivo che è molto importante stabilire che ci sono in effetti no "ibridi moderni Nefilim" che vivono oggi esp. che guardano umani e vivono in mezzo a noi, che è quello che questo sito tenta di fare. Queste stesse informazioni che la Bibbia insegna sul concetto di Paterno lignaggio spirituale, se applicato alla storia dei Nefilim della Genesi, mostra che non ci fossero Nefilim dopo il diluvio di Noè, e che non ci sono prove per ogni persona che viva Nephilim oggi , né ci saranno. Si prega di continuare con il prossimo articolo di questa serie.

Mostrare il testo originale a: http://stopalienabduction.com/nephilimhybrids/wordpress/?page_id=2



I Nefilim

Secondo la comprensione del concetto di Paterno lignaggio spirituale, che abbiamo coperto, ci sono diverse cose che possiamo sapere destra fuori del blocco di Nephilim.

Gesù aveva un corpo umano, ma lo spirito di Dio ed è Dio, ma è un uomo e chiamato così dalla Bibbia, avere un corpo umano. In coerenza, lo stesso vale per il Nephilim. Gesù Cristo è l'unico esempio biblici con cui capire che cosa questi Nefilim erano, e che per esempio avevano un angelo caduto-spirito, ma un corpo umano, e sono chiamati gli uomini dalla Bibbia.

"E avvenne che, quando gli uomini cominciarono a moltiplicarsi sulla faccia della terra, e le figlie sono nate a loro, che i figli di Dio videro che le figlie degli uomini che [erano] giusto, ed essi si presero delle mogli di tutti i che hanno scelto. E il Signore disse: Il mio spirito non resterà sempre nell'uomo, perché anche lui [è] la carne: ma la sua vita sarà di centoventi anni. C'erano sulla terra i giganti a quei tempi e anche dopo, quando i figli di Dio si univano alle figlie degli uomini, e nude [i bambini] a loro, lo stesso [divenne] uomini potenti che [erano] del vecchio , uomini famosi. "Genesi 6:1-4

Per consentire che la Bibbia è la verità parlando nel chiamare i Nefilim "uomini", allora devono essere stati "uomini" in qualche modo, senza eccezioni. Questo è lo stesso di Gesù è chiamato "uomo" ed era un essere umano, senza eccezione. In entrambi i casi questa non è una questione di spirito, ma una questione di avere un corpo puramente umano. I Nefilim erano corpi umani con tutto ciò che comporta, cromosomi umani, DNA, ecc Dire altrimenti, si dovrebbe negare anche che Gesù era umano, e aveva un corpo umano, e sfidare la coerenza interna della Bibbia.

La scienza verifica inoltre che i cromosomi e il DNA di una madre umana messo una quantità enorme di prescrizione per i DNA e cromosomi gli angeli caduti avrebbero dovuto utilizzare in impregnare una donna. Vale a dire, che il DNA di una donna umana e cromosomi non poteva che coppia con successo con il DNA e cromosomi che sono stati progettati per l'associazione, quello di un maschio umano. Il DNA e cromosomi questi angeli caduti dovuto usare per impregnare queste donne deve essere stato in modo corrispondente a quello di un maschio umano, come sia stato indistinguibile da quella di un maschio umano.

Mentre è difficile trovare un commento scientifica angelo caduto / ibridazione umano in Genesi 6, lo stesso punto di genetica è stato fatto circa teorico "alieni":

"Se il DNA alieno e umano è così diversa, ibridazione sarebbe impossibile. Questo non è vero solo a livello di sequenza, ma i cromosomi sono a coppia pure. "
Dr. Robert Carter, genetista, l'analisi della genetica della Starchild Supposed

La stessa scienza e il principio di Genetica si applica nel caso degli angeli caduti e le donne umane. Al fine di ibridazione sia possibile, gli angeli caduti hanno dovuto coppia i cromosomi e sequenze di DNA in modo da corrispondere a quello di un uomo umano, altrimenti non avrebbe prole risultato, per niente. In ordine per queste donne una gravidanza, ed essere madri al Nephilim, gli angeli caduti hanno dovuto prendere in considerazione l'uovo della donna e personalizzare il processo per soddisfare il suo cromosomiche e requisiti sequenza di DNA per ciò che Dio progettato per lavorare nella scienza della biologia e della genetica.

La spiegazione più semplice per gli angeli caduti che cosa utilizzate in impregnazione queste donne è che Dio ha creato gli angeli tutti maschi, e che ha un certo residuo di sperma che è nata mentre in forma umana sulla Terra, ma gli spermatozoi che Dio non destinati a uso.
Come tale, sembra che il DNA e cromosomi che i corpi angeli caduti in grado di produrre stata una partita umano, ma imperfetto, contenente deterioramento genetico (in confronto al Dio progettato DNA perfetto di Adamo), portando a malformazioni. Sembra molto probabile che Dio ha costruito in questi angeli deterioramenti genetica, in quanto ha progettato il loro spirito-corpo per funzionare dovrebbero assumere forma umana sulla Terra, ma in ogni caso a quanto pare poteva fare meglio di qualcosa che era viziato, tuttavia funzionato. Eppure era giusto sufficiente a passare per DNA umano maschile e cromosomi, quando si trattava di combinarsi con il DNA e cromosomi dentro l'uovo di una donna umana.

Ma in questo, sappiamo che i Nephilim sembrava umano, e il loro DNA e cromosomi erano umani, anche se avevano difetti minuscoli o deterioramento delle sequenze in confronto al DNA più ideale degli esseri umani che vivono in quel momento. Questo non è diverso rispetto agli esseri umani di oggi, che hanno DNA e cromosomi deteriorata dal tempo di Adamo, o anche il tempo di Noè. The DNA or chromosomes of a human do not have to be as perfect as Adam's, the original, in order for a person to be considered to have a human body. Otherwise, none of us would qualify as being human, as all of us have some genetic flaws which have accumulated over time, which is just part of being in the fallen creation which has been subjected to corruption and decay.(Rom 8:20-22)
The Nephilim had bodies which were human enough for them to be called men (Gen 6:5) by God in the Bible, on the basis of their bodies being human, despite that they seemed to have a level of genetic decay more than the humans around them, in comparison.

In Gen 6:3 when God says “with man, for he also is flesh” this is also translated as “man is indeed flesh”. And so the same concept is referred to, that part of what makes a man to be considered a man is his flesh, his human body, and man “is indeed flesh”. Having a human body is enough for the Bible to say that someone is a man, and this is the same for both Jesus Christ, and also for the Nephilim.

From an understanding of Paternal Spiritual Lineage, we can understand that God was likely speaking in Gen 6:3 to the angels (sons of God) who took human wives. The chronology of these verses makes much more sense when one understands that after these angels took wives, God spoke up to say something to these falling angels.
What did God say?

“And the LORD said, My spirit shall not always strive with man, for that he is indeed flesh: yet his days shall be an hundred and twenty years.” Gen 6:3

God made it clear that “man” is “indeed flesh” and that “man” would live only 120 years.

Who was God saying this to? The angels likely thought it possible that if they had children with the wives they had taken, that these children would live forever, as they did. As such it would make sense that in response God told them that this would not be the case, but rather that “man” would only live 120 years. The “man” referenced to here was first and foremost the Nephilim. The placement of Gen 6:3 after the angels took wives, and before the mention of their offspring, gives a clear context that God was speaking to the angels (and perhaps also their human wives) about their offspring to follow, the Nephilim. The placement indicates that God likely pronounced this once the Nephilim were conceived, but before they were born. This would have been at the time when God starting forming these Nephilim in the wombs of these women who were their mothers. (Is 44:2,24)

In those days it is recorded that the line of Adam, until the flood, on average lived 857 years. This is far longer than the 120 years that God said the Nephilim would live, speaking to their parents. The explanation for why these Nephilim would have far shorter-than-normal lifespans was that “man is indeed flesh”. This shortened lifespan was all very abnormal at the time.

The word here for “man” in Gen 6:3 is “adam”, which both referred to the “Nephilim” in that they had human bodies, just as human as any other “adam”. This also seems to have been a prophetic warning that all “adam” would only live 120 years in the future. This seems to be a case of a prophetic warning having a dual meaning, both that the Nephilim would only live 120 years, due to their flesh, and that all mankind would come to be like this also.
This prophetic warning of shortened lifespans to 120 years has come to pass. But as the Bible indicates God spoke this prophecy to the parents of the Nephilim, by the placement of this verse, it makes sense that their actions in interbreeding were going to be the cause of this change. The Bible seems to indicate that this change in lifespans would be coming through the Nephilim that followed in Gen 6:4, and then on to the rest of mankind.

What does the word Nephilim mean? To quote Dr. Michael S. Heiser,

“In the form we find it in the Hebrew Bible, if the word nephilim   came from Hebrew naphal , it would not be spelled as we find it. The form nephilim   cannot mean “fallen ones” (the spelling would then be nephulim ). Likewise nephilim does not mean “those who fall” or “those who fall away” (that would be nophelim ). The only way in Hebrew to get nephilim   from naphal   by the rules of Hebrew morphology (word formation) would be to presume a noun spelled naphil   and then pluralize it. I say “presume” since this noun does not exist in biblical Hebrew — unless one counts Genesis 6:4 and Numbers 13:33, the two occurrences of nephilim — but that would then be assuming what one is trying to prove! However, in Aramaic the noun naphil(a) does exist. It means “giant,” making it easy to see why the Septuagint (the ancient Greek translation of the Hebrew Bible) translated nephilim as gigantes (“giant”). Here is a screen shot (not good quality) of Aramaic naphil(a) from Morris Jastrow's Dictionary of the Targumim, the Talmud Babli and Yerushalmi, and the Midrashic Literature   (1903; page 923, or page 243 of 1061 of the online PDF of volume 2).”

Dr. Michael S. Heiser, PhD, http://sitchiniswrong.com/

The word Nephilim means giants, and so by definition the Nephilim were all giants.

Having human bodies, that were purely human, human chromosomes, human DNA, the Nephilim must have had human gigantism, caused by the same mechanisms as people who have gigantism today. This is the simplest answer for how the human bodies of the Nephilim were giant. The same processes that are required to take place in a human body today in order for gigantism to result, must have been the same processes that took place in the human bodies of the Nephilim in order for their gigantism to result.

As per modern medical understanding, pituitary gigantism today is caused by a tumor (cancerous growth in) the pituitary gland in the brain, which causes an overproduction of Human Growth Hormone. (1) While some cases of pituitary tumors like this occur randomly, others are genetically linked and pass down through families. (2)

One such case of this is FIPA, Familial Pituitary Isolated Adenomas, which causes both Growth hormone secreting pituitary tumors in childhood (resulting in gigantism) and in adulthood (resulting in acromegaly). FIPA is a hereditary genetic condition which is autosomal dominant with incomplete penetrance. That means it is not sex linked, and either gender can get it, and it is a dominant trait (overtaking recessive traits) but that it only does this some of the time, so people can carry the disorder without having it, and the result varies for those who have it (acromegaly up to full gigantism). (3)

Hereditary gigantism today, like in the example of FIPA, is likely the closest example we have to what the Nephilim had, because what they had caused gigantism, could be carried by someone who did not express the disorder, and because it is hereditary.

People with gigantism today typically have a greatly decreased lifespan. Many giants throughout recent history only lived to their 20s. This closely parallels with the Nephilim-giants that God indicated would only live to be 120 years, when 857 years was the average recorded lifespan. As such there is some parallel in both the gigantism of the Nephilim-giants and the decrease in their lifespan (compared to normal), although these two issues are not shown to be strictly genetically linked, more like two separate genetic problems. If so then it makes sense that as humanity today only lives about 120 years at most, because the genetic problem of the Nephilim's shortened lifespan spread throughout humanity's genetics, effecting lifespans of humans from that point forward, separate from the genetic problem of pituitary gigantism, only affecting some.

How would this work? According to an understanding of Paternal Spiritual Lineage, the spirit of the child comes solely from the father of the child. The Bible seems to specify that the first generation of Nephilim were all male (Gen 6:4), but at the same time specifying the nephilim were “men” (Gen 6:5) therefore having human bodies, therefore being capable to reproduce as the bodies of human men do. Understanding that the Nephilim-giants had purely human bodies, and are called men by the Bible, it makes sense that they were virile and also capable of having children. There is nothing that suggests the Nephilim-giants were sterile. As such, if a Nephilim-giant were to marry a human woman, the children would all also have demon-spirits, but human bodies. While the Nephilim-giants are all described by the Bible as male, their children with human women could have been male or female. As the Bible calls the Nephilim-giants “men” on the basis of their human bodies, there is every reason to think that their bodies were capable of the same things as that of any human male body, which includes the production of X-sperm, leading to female offspring.

The Bible does indicate in the OT that people sinned by making offerings to demons, and to other gods (Deut 32:16-17), and that people worshipped demons when they worshipped idols (1 Cor 10:19-20) and that one of these whom people made offerings to was known as “the queen of heaven”(Jer 44:25). As all of the angels in the Bible are referred to as male, including the fallen ones, there is some reason to think “the queen of heaven” was a female demon. If there are female demons (as is claimed about succubus) then this would imply there must have at one time been female demon-spirited Nephilim.

A daughter of a Nephilim-giant would herself have a demon-spirit (and at death become a demon) but if she had children, her children would have the same type of spirit as their father, not her. If their father was human, the children would be human. At the same time, the children could genetically inherit the traits of her body, including gigantism and a shortened lifespan. If she married a human man, with a human spirit, the children could inherit the genetic traits of gigantism or a shortened lifespan, while they would still have human-spirits.

After the flood people had about 400 year lifespans, which gradually decreased to 120 years over 11 generations. This indicates that it was not any external changes in the earth after the flood which caused decreased lifespans, but rather decreased lifespans must have been caused by internal genetic changes. (4) However, the Bible makes clear that these genetic changes were related to the Nephilim-giants by the placement of Gen 6:3, which is the verse that specifically talks about the issue of decreased lifespans, right after the fallen angels took wives, and right before the Nephilim-giants are first mentioned. So we know these Nephilim events are connected to the shortened lifespans of all humanity today, as the Bible indicates such.

The concept of Paternal Spiritual Lineage logically shows that a Nephilim-giant could have a human-spirit human-body granddaughter. And understanding of the hereditary genetic disorder of gigantism (such as FIPA) shows that such a granddaughter could be a carrier of the genes that cause gigantism, but not herself be a giant effected with the disorder. As such this human-granddaughter of a Nephilim, who herself had a Nephilim-daughter for her mother and a human father, could herself carry the genes for gigantism without being a giant herself. She also could be effected by genes causing a shortened lifespan, and pass these on to her human children, along with genes that cause gigantism.

As the first mention of a shortened lifespan is related to the Nephilim-giants, the fact that we all have shortened lifespans today indicates that this very scenario took place. The first mention of gigantism in the Bible is with the Nephilim-giants, and the fact that gigantism exists today also indicates this scenario took place. Gen 6:3 was spoken to the parents of the Nephilim, as the Bible indicates, about the Nephilim, as the Bible indicates by the placement of the verse. An understanding of paternal spiritual lineage and the human bodies of the Nephilim, is shown by the Bible in the case of both Adam and Jesus Christ. Therefore, the evidence for the scenario of a human grand-daughter of a Nephilim is the shortened lifespans and gigantism the Bible teaches occurred after the flood.

Continue on to the next part in this Series!
see original at: http://stopalienabduction.com/nephilimhybrids/wordpress/?page_id=15

I Nefilim (continua?)

“But Noah found favor in the eyes of the LORD. These [are] the generations of Noah: Noah was a just man [and] perfect in his generations, [and] Noah walked with God.” Gen 6:8-9

The Bible specifies that Noah was “perfect in his generations”. This can refer to being spotless or unblemished in his lineage. Why does God specify this? It would make sense that God said this to make clear that Noah was completely uncorrupted in his lineage, both paternal and maternal, having no ancestors that were related to the Nephilim-giants in any way. Noah was the paternal ancestor of every human who would come after the flood, his sons and all their children, who all humanity would be replenished from.

However, it is not specified that Noah's wife, sons, nor daughter-in-law were “perfect in their generations”. It is therefore possible that Noah's wife (and therefore Noah's sons) or daughters-in-law (and therefore his grandchildren), were bodily related to the Nephilim. According to the concept of Paternal Spiritual Lineage, it did not matter if Noah's wife was in fact even a Nephilim-giant, because Noah's sons and all their children would have human-spirits, because Noah had a perfect human lineage and a human-spirit.

But it seems far more likely that Noah's wife or daughters-in-law were humans, but unfortunately one or all were descended from a human-granddaughter of a Nephilim-giant. This would mean that while the women on the ark were human, not even giants, they could still carry the genes for hereditary gigantism, as well as genes causing a shortened lifespan. It could be argued that besides the stated exception of Noah, that his wife and sons' flesh had also been somewhat corrupted, as all flesh had been corrupted,
“And God looked upon the earth, and, behold, it was corrupt; for all flesh had corrupted its way upon the earth.” (Gen 6:12)

The fact that giants existed after the flood, and that lifespans continued to decrease after the flood, shows that a woman (very likely herself human) related to a Nephilim-giant must have been on the Ark, and passed these genetic traits on to all humanity which followed after the flood. (Noah lived 950 years, but Shem only 600, this could be indicative that the woman with shortened-lifespan genes was in fact Noah's wife.)

That we all only live at most 120 years today, combined with the concept of Paternal Spiritual Lineage, shows that all humanity had a human-granddaughter-of-a-Nephilim ancestor in their past. Yet, we are no less human for it, because the Nephilim-giants had human bodies, and we all are descended from Noah who had a human-spirit.

The giants that came after the flood, which are seen many time in the Bible, were human. They had human-spirits, and were no more related to the Nephilim than anyone else was after the flood. Everyone after the flood coming to live only 120 years shows this. The human-giants after the flood unfortunately just also expressed the rarer genetic problem of having gigantism, while the rest of humanity expressed the genetic shortened lifespan.

The main difference between the Nephilim-giants before the flood and the human-giants after the flood is that the human-giants after the flood seem to have been in poorer health.

Some secular scientists and also Christian creationists both seem to agree that the largest dinosaurs if they lived today would not be able to breathe or stand up fully, and therefore that the world seems to have been very different a long time ago (how long ago being the difference) and that the earth had higher atmospheric oxygen levels in the past, which allowed for these dinosaurs to be able to breathe and function with some normalcy. These same conditions Christians attribute to the pre-flood world that allowed for the dinosaurs to breathe, and for huge winged ones to fly, also produced things such as gigantic animals and insects, as is found in the fossil record. (5,6,7) As such we know that the world before the flood was conducive to gigantic animals and their health. There is every reason to conclude the earth before the flood was more conducive to the health of Nephilim-giants and human-giants as well.

This may be how the Bible says of the Nephilim-giants, “the same became mighty men of old, men of renown”. These bodies with pituitary gigantism were able to function much better in the pre-flood world, and so were able to be “mighty men”. At the same time, they also had decreased lifespans. As such the gigantism and the shortened lifespan genes seem to not be directly tied together, but separate. All of humanity having shorter lifespans after the flood, while not being giants, shows that the two genetic issues were not exclusively tied together. The gigantism genes and the short-lifespan genes, while both coming from the Nephilim-giants, were not exclusively related. While the giants did live shorter lives than was usual in that time pre-flood, it is also clear that at first their gigantism was not a total hindrance to them, being called “mighty men”. However, after the flood and the change of atmospheric conditions, the gigantism seemed to produce even worse health problems for those with gigantism. And ultimately we can see that the shortened-lifespan genetics were not tied to gigantism genetics, as all of humanity has a shortened lifespan, but few have gigantism.

The human-giants after the flood did not have any atmospheric advantage, and there are indications they were in poor health, like those with gigantism today. For instance, one very plausible theory is that Goliath died by the stone hitting his head because of poor health and medical conditions which directly related to him having pituitary gigantism.

“And David put his hand into his bag and took from it a stone and slung it, and struck the Philistine on his forehead. And the stone sank into his forehead , so that he fell on his face to the ground. Thus David prevailed over the Philistine with a sling and a stone, and he struck the Philistine and killed him ; but there was no sword in David's hand.”
1 Sam 17:49-50

“Undoubtedly Goliath's great size was due to acromegaly secondary to a pituitary macroadenoma. This pituitary adenoma was apparently large enough to induce visual field deficits by its pressure on the optic chiasm, which made Goliath unable to follow the young David as he circled him. The stone entered Goliath's cranial vault through a markedly thinned frontal bone, which resulted from enlargement of the frontal paranasal sinus, a frequent feature of acromegaly. The stone lodged in Goliath's enlarged pituitary and caused a pituitary hemorrhage, resulting in transtentorial herniation and death.”
– Dr. Stanley Sprecher, MD http://radiology.rsna.org/content/176/1/288.2.full.pdf

The poor health of these giants could also be argued in that whole villages of giants were killed off by the Israelites without any noted difficulty. (Deut 3:1-11, Josh 11:21)

God had the Israelites kill off these giant tribes entirely (men, women, and children), and this was likely for one very understandable reason.

Using FIPA as a model, each successive generation has a younger onset for the illness. This means that what might start as acromegaly, with adult onset, in a few generations would be more likely to result in gigantism that begins in childhood. That is for those who do express the genes and have gigantism. At the same time, most people in the family are carriers who do not get the disorder, and some do not even carry it. In modern cases, an entire family or village of giants doesn't happen. But there is a reason why.

It is very likely that the only way that you would get this genetic disorder to be so strongly reinforced as to have an entire tribes of giants, where every man, woman, and child has the genetic disorder, is by inbreeding. The scientific understanding of hereditary gigantism supports this assertion. (3,8) And we know that these people did practice inbreeding. God confirms these nations practiced inbreeding in Leviticus 18, and this is what it would take to get entire villages of giants, in which every man woman and child was a giant. For instance, FIPA is a dominant trait with only incomplete penetration, meaning it acts recessive in many ways, and so it would be almost impossible to get a whole village of giant people, except if the trait was reinforced through inbreeding, like the close inbreeding Lev 18 mentions, making the trait to show very dominantly.

These tribes of human-giants had been inbred enough so as to doom their own genetics and those of their children. Their children would have gigantism, and they also would spread gigantism to anyone who married someone from the tribe. This is also demonstrated in the case of the sons of the giant of Gath, these 4 brothers were also giants like their father. (1 Ch 20, 2 Sam 21)

“And yet again there was war at Gath, where was a man of [great] stature, whose fingers and toes [were] four and twenty, six [on each hand], and six [on each foot]: and he also was the son of the giant. But when he defied Israel, Jonathan the son of Shimea David's brother slew him. These were born unto the giant in Gath; and they fell by the hand of David, and by the hand of his servants.” 1 Ch 20:6-8

This instance of the giant of Gath and his 4 giant sons shows a couple of things to be true. The first is that gigantism passes hereditarily among humans, and is not always caused by fallen angels. The second is that if one wished to debate this point, then logic would dictate that one would have to concede that either:
A. The Bible is not accurate when it uses the terms “father” and “son”, which could have terrible ramifications if this same assertion was applied to Jesus Christ.
B. Or if asserting that the giant of Gath was a “Nephilim” and he himself had sons, one would have to concede that the Nephilim before the flood were not sterile, and therefore could have had sons or daughters before the flood.
And so this gigantism was a human hereditary disorder that passed from one human to his four human sons. This is not how hereditary gigantism typically shows in families, and is highly unusual, which all suggests close inbreeding, as may the polydactylism.

Like a quarantine, to save much more of humanity from the genetic disorder of gigantism, God had these tribes of giant people to be killed. This was a mercy on any children they may have had, and future generations, as gigantism is a very painful, deforming and disabling genetic disorder. This also was protective against spreading this genetic disorder to all those peoples around them, including the Israelites. (Jdg 3:5-7)

That the giants after the flood were human-giants and not Nephilim-giants is confirmed in the Bible in Numbers13-14. This is the only time after the flood in which the word “Nephilim” is used, and the Bible makes clear that the statement made was a slander, a lie, and that those who told this lie were punished with death, as a result of the harm they caused with this lie.

“And they brought up a slander of the land which they had searched unto the children of Israel, saying, The land, through which we have gone to search it, [is] a land that eateth up the inhabitants thereof; and all the people that we saw in it [are] men of a great stature. And there we saw the giants, the sons of Anak, [which come] of the giants: and we were in our own sight as grasshoppers, and so we were in their sight.” Num 13:32-33

“And the men, which Moses sent to search the land, who returned, and made all the congregation to murmur against him, by bringing up a slander upon the land, Even those men that did bring up the evil slander upon the land, died by plague before the LORD.” Num 14:36-37

The book “Alien Intrusion: UFOs and the Evolution Connection” by Gary Bates is where I first saw this pointed out, and he puts it this way:

“…The descendents of Anak (the Anakim/Anakites) were obviously a group of large people. However, in verse 28 the spies also reported that many of the other people in the land were “strong.” There are several other passages that refer to the Anakim as a powerful group of people (Deut. 9:2 for example), but verse 33 in Numbers 13 is the only passage that suggests any Anakite relationship to the Nephilim. Once again, it should be remembered that these Anakim were descendents of post-Flood people. They could not be descended from the pre-Flood Nephilim. Chapter 10 of Genesis records the “Table of Nations”; that is, the descendents of Noah's sons, and there is no mention of Anak or the Nephilim, post-Flood.

“It should be noted that the spies brought back a bad, or “evil” (Hebrew dibbah, “to slander, whisper, or defame”) report. That report included a parenthetic insertion that the large people known as the sons of Anak were descended from the Nephilim. The NIV simply puts it as: We saw the Nephilim there (the descendents of Anak come from the Nephilim)… (Num. 13.33).

“At first reading, this may seem like a factual account, but it is part of the quoted false report of the spies. Of the 12 spies, only Joshua and Caleb, trusting God, were keen to enter and take possession of the land; the other 10 did not want to. Because of the false report, the whole nation was too terrified to enter the Promised Land, and they turned against Moses for bringing them there. God responded:
The Lord said to Moses, 'How long will these people treat me with contempt?… I will strike them down with a plague and destroy them' (Num. 14:11).”

“How can we be sure that it was a false report? To start with, God intended to strike down all of the people with a plague for their unbelief, but Moses interceded on their behalf. However, there were some that were not going to escape God's justice. Perché? Because they brought back an untruthful report. Numbers 14:36-37 says:
“'Now the men whom Moses sent to spy out the land, who returned and made all the congregation complain against him by bringing a bad report of the land, those very men who brought the evil report about the land, died by the plague before the Lord' (New King James Version).'”

“Some Christians have actually added to the false account of the Nephilim in the Promised Land. They say that during the time that the children of Israel wandered in the desert (38 years), fallen angels were once again cohabiting with women to produce more Nephilim as part of a satanic strategy to prevent the Hebrews entering the land. This is unlikely because, although they encountered the Anakim, they defeated them, as well as many others inhabiting tribes. When they eventually entered the land of Canaan, there was no mention of the Nephilim or encounters with them. Surely, among the descriptions of all the battles that ensued, encounters with Nephilim would have been mentioned if they occurred. And it should be remembered, according to the fallen angel view, the original angels who stepped out of line in this manner were now in chains in Tartarus…”
Gary Bates, Alien Intrusion: UFOs and the Evolution Connection, pg. 363-364

To make perfectly clear, a slander is a lie. The word used here for slander is “dibbah” and means “slander, calumny” according to the Gesenius's Lexicon. It is translated as “slander” 4 times, “infamy” 2 times and “evil report” 3 times in the KJV. The word “slander” means a “malicious false or defamatory statement”, “calumny” means “a false and malicious statement designed to injure the reputation”. A slander is a lie.

Numbers makes clear that these men brought a slander against the land in particular by: “saying… there we saw the giants (Nephilim), the sons of Anak, of the giants (Nephilim)”. This is the slanderous, lying statement in question. It is pointed out in particular in Num 13:32 that this statement was slander, a lie, and not true, before the Bible recounts the false statement. Then afterwards, in Num 14, it is made clear that the men who lied in this particular statement died by plague before God. As such, God punished these men for their lie about there being Nephilim in the land, by them dying before Him by a plague. The reason this punishment was so severe was because as a result of this lie, the people of Israel refused to take the land in battle, refusing to obey God. And they then were punished by having to wander in the desert for 40 years.

Other than this singular instance of a slander, a lie, being told, no mention is made of Nephilim after the flood, and besides Gen 6 and Num 13 the word Nephilim is not used anywhere else in the Bible. The interbreeding of the “sons of God” and women is not recorded to have occurred again after the flood. As the Bible had no problem mentioning this interbreeding the first time, God surely would have mentioned if the same events happened again, in His consistency. Also the “sons of God” who begat the Nephilim-giants were imprisoned in Tartaros (the Abyss) until the judgment for their crime.

In Jude 1 and 2 Pet 2 these “sons of God” are described as angels who sinned by leaving their own domain, are compared to those who “gave themselves over to fornication, going after strange flesh”, and who are now imprisoned in Tartaros. Their actions defined them as and made them become fallen angels.

“And the angels which kept not their first estate, but left their own habitation, he hath reserved in everlasting chains under darkness unto the judgment of the great day. Even as Sodom and Gomorrha, and the cities about them in like manner, giving themselves over to fornication, and going after strange flesh, are set forth for an example, suffering the vengeance of eternal fire.” Jude 1:6-7

“For if God spared not the angels that sinned , but cast [them] down to hell (Tartaros), and delivered [them] into chains of darkness, to be reserved unto judgment; And spared not the old world, but saved Noah the eighth [person], a preacher of righteousness, bringing in the flood upon the world of the ungodly; And turning the cities of Sodom and Gomorrha into ashes condemned [them] with an overthrow, making [them] an ensample unto those that after should live ungodly” 2 Pet 2:4-6

The chronology in 2 Pet 2:4-6 places the time of their sin to be immediately before the flood, so we can know these are one and the same fallen angels who are referred to in Gen 6:1-4. And we know that these fallen angels in particular who committed this sin are now bound and imprisoned in Tartaros as the sentence for their crime. (Though others are not imprisoned, who did not commit this particular crime, see Rev 12, Luke 4, Eph 6:12.)

As such it makes the most sense that no other fallen angels would attempt to repeat this crime, and face the same punishment. As God is consistent, it makes sense they would face the same punishment. So it seems safe to say no other fallen angel would commit this crime, because of the consequences, and this is consistent with God not describing any repeat of this crime after the flood.

The Bible makes clear that the human-giants after the flood were not Nephilim, by saying those that called them so were slanderers in Num 13-14. Both the presence of human-giants after the flood and the shortened lifespans after the flood can be tied to the Nephilim that lived before the flood, through a woman on the Ark, without any resumed fallen-angelic interbreeding after the flood. The evidence for this theory is seen in that all of humanity soon had lifespan shortened to 120 years, and Gen 6:3 shows the prophecy of a shortened lifespan as being related to the fallen angels taking wives, and their offspring.
There is nothing in the Bible that indicates that there will ever be any more Nephilim born. The scriptures sometimes used to argue this fallacy are Matt 24 and Dan 2, but this can only be accomplished by ignoring the obvious meanings of the verses, ignoring their context, and twisting their meaning, and the meanings of the words in these verses.

With a straightforward interpretation, taking into account context of the passage, meanings of the words, etc, neither of these passages hint at there being any more Nephilim in the future of the world, according to Bible prophecy. You can examine these passages of prophecy, and the conclusion that they do not include any prophecy of a resurgence of Nephilim, at the links on the menu.


Footnotes:
(1) http://en.wikipedia.org/wiki/Gigantism

(2) http://en.wikipedia.org/wiki/Acromegaly

(3) http://www.fipapatients.org/disorders/fipa/ includes family tree chart
(4) http://creation.com/decreased-lifespans-have-we-been-looking-in-the-right-place
(5) http://geology.com/usgs/amber/
(6) http://www.truthingenesis.com/The_Garden_of_Eden.html

(7) http://levenspiel.com/octave/OL_images/DinosaurW.pdf

(8) http://www.medscape.com/viewarticle/565829_3 may require free user account

Addendum:
While side issues, I want to address a couple things:

1. In Gen 6:4 “and also after that” or “afterward” has a couple of possible explanations that the text will allow for, and neither one references to after the flood. The first is that the taking of wives and interbreeding began “when men began to multiply on the face of the earth and daughters were born unto them” which was about 1000 years before Noah was even born. In context, “afterward” refers to the time when the marrying and interbreeding started, some 1000 years before Noah was born, and into the time of Noah